Formazione C. Carzan ” Allenamente”

Puoi partecipare al corso con un costo di 

€ 60,00

pagabile con 

Carta del Docente

 LO TROVI SULLA PIATTAFORMA SOFIA Unità Formativa  ID 33313

“Allenamente, lo sviluppo del pensiero…dallo storico allo scienziato”

oppure attraverso bonifico bancario

IBAN :  IT81N0100003245340300312040

Se non possiedi un account Google invia i tuoi dati e la ricevuta di pagamento a:

formazioneallenamente@icpaliano.edu.it

Modulo di iscrizione

Sede del corso: Istituto Comprensivo di Paliano

via F.lli Beguinot 30/a Paliano Frosinone

Giovedì 12 settembre

9.00 / 12.30 –  14.00/18.30

Venerdì 13 settembre

8.00/ 13.00  –  14.00/18.00

Seguirà programma dettagliato del corso.

Descrizione generale
“Giochi Allenamente” è un progetto di divulgazione e di formazione, l’idea fondamentale è che si possa ALLENARE E POTENZIARE IL CERVELLO GIOCANDO.
La proposta formativa è orientata ad insegnati ed educatori che desiderano utilizzare un approccio coinvolgente e ludico per i ragazzi, con l’obiettivo di creare un percorso per dar valore e accrescere le competenze acquisite. L’approccio è laboratoriale e ludico, orientato a una scuola del fare, in un assetto non frontale, consente di
– allenare il cervello e migliorare se stessi con un allenamento semplice e ludico.
– Creare un contesto in cui s’impara con maggiore facilità.
– Dare valore ai nostri talenti e allenare la nostra mente.
– Perché la memoria cresce e si amplifica con l’allenamento ludico.
– Migliorare la concentrazione e accrescere l’autostima dei ragazzi

Didattica, competenze, apprendimento
L’obiettivo dei giochi allenamente è quello di fornire ai bambini e ragazzi, degli strumenti che possano aumentare la propria consapevolezza e autostima, ponendoli al centro del loro stesso percorso educativo e favorendone l’autonomia. Questo percorso avviene attraverso una maggiore conoscenza di se stessi, sia in termini personali che in termini di fisiologici, legati al funzionamento del cervello, tutto ciò associato a una proposta di attività ludiche e
creative che favoriscono il potenziamento delle capacità celebrali, quali l’attenzione, la memoria, la logica, l’osservazione. In questo senso il collegamento tra la didattica per competenze e l’universo dei giochi allenamente è naturale, infatti la consapevolezza e la mobilitazione puntuale di conoscenze e abilità per affrontare un compito reale sono gli elementi caratterizzanti della competenza. Attivare un contesto di apprendimento ludico con giochi specifici legati alle capacità celebrali, allena l’alunno a utilizzare le competenze in ambiti differenti, lo rende più disponibile all’acquisizione delle conoscenze, aumentando anche la sua motivazione. Abbiamo identificato tre finalità che si possono raggiungere con questo approccio:
1. Rendere lo studente consapevole di quello che sa e di quello che dovrà imparare, della sua responsabilità personale nel percorso di apprendimento, che seppur faticoso, è facilitato dalla “gioia ludica” dell’imparare.
2. Stimolare un atteggiamento di “ricerca curiosa” che aiuta ad alimentare un’attenzione verso l’apprendimento non solo a scuola, ma anche in altri ambiti e in prospettiva futura per tutto l’arco della vita.
3. Educare lo studente a rispondere a domande semplici sul proprio vissuto di apprendimento. Che cosa sto facendo? Perché? Da cosa derivano le mie difficoltà? Cosa ho imparato? Come sono cambiato? Com’è mutato il mio pensiero e il mio punto di vista?

Obiettivi
Tra gli obiettivi che si pone il progetto dei Giochi AllenaMente, abbiamo identificato quelli che possono avere maggiore attinenza con le linee guida proposte dal MIUR con riferimento all’acquisizione delle competenze, e possono essere evidenziati in funzione delle scelte operative del progetto complessivo.
– Promuovere un atteggiamento positivo nei confronti dell’apprendimento, per favorire la crescita personale e il successo scolastico
– Educare all’ascolto, alla comunicazione e alla convivenza.
– Stimolare il desiderio e il piacere della ricerca in modo da farne un’abitudine quotidiana
– Accrescere i tempi di attenzione
– Sollecitare la creazione di un metodo di lavoro e di apprendimento
– Scoprire il linguaggio visivo
– Sviluppare la capacità di esprimere opinioni personali
– Avere un approccio consapevole verso le proprie potenzialità

Descrizione attività di formazione
Il progetto di formazione è un vero e proprio kit per allenare il cervello, con strumenti operativi che gli insegnanti, ma anche i genitori, possono utilizzare in modo concreto nel loro quotidiano approccio con bambini e ragazzi. Il percorso si propone di sviluppare le capacità cognitive, la memoria, la riflessione, la concentrazione, la logica, il problem solving e allo stesso tempo punta a fornire un metodo di lavoro e di studio. Basato sul metodo “Scuola Ludens”, utilizza giochi di vario genere, da quelli con carta e matita ai classici giochi da tavolo e da scacchiera, ognuno con un proprio ruolo ed identità, mettendo in relazione la logica, i giochi, il pensiero laterale ed il problem solving. In questo senso il gioco diventa uno strumento fondamentale per allenare il cervello ad una analisi non superficiale, ma approfondita e “parallela”, partendo da un’ipotesi delle scelte da effettuare, comprenderne gli effetti e giungere ad una conclusione. Dopo un primo incontro introduttivo ai giochi allenamente entriamo nel cervello di grandi geni, della storia e letterari, per raccontare il loro modo di ragionare, analizzando le loro abilità e tecniche di apprendimento, per poi metterle in pratica. In un percorso ludico fatto di logica, osservazione, arte, creatività, narrazione, proveremo a scoprire come imparare a dare il meglio di se stessi con degli allenatori d’eccezione. In particolare esploreremo la mente di Leonardo Da Vinci, Sherlock Homes ed Albert Einstein, analizzando le loro eccezionali capacità e tecniche di apprendimento, ma anche gli errori e fallimenti. Scopriremo come mettere a punto delle strategie personali e sperimentare assieme
al grande detective varie modalità di apprendimento, per capire qual è quella più efficace. Tutto ciò sempre attraverso una metodologia ludica e partecipata. Il corso prevede una costante attività pratica, in cui i docenti simulano e provano costantemente i giochi. Saranno sviluppati i seguenti argomenti:
– Informazioni base sull’educazione al gioco e la didattica ludica
– La relazione tra gioco e apprendimento come valore aggiunto nel percorso di crescita di un bambino/ragazzo
-Giochi e attività base per allenare il cervello

– Giochi per allenare la memoria e la concentrazione
– Il problem solving con giochi di logica e il pensiero laterale
– Giochi per allenare curiosità e creatività
– Giochi per allenare la ricerca e il pensiero scientifico
– Giochi e strumenti per mettere in ordine le idee
– Informazioni e sitografia per l’approfondimento online di alcuni argomenti.

Durata
Il corso ha una durata di 25 ore, di cui 8 online.

Carlo Carzan

Carlo Carzan (Palermo, 1967), ha passato la sua infanzia giocando e in realtà non ha mai smesso. Nella sua vita ha realizzato già un sogno, lavorare giocando, anzi facendo giocare gli altri. Ha dato vita a “Così per Gioco” la prima ludoteca palermitana per ragazzi, e a tantissime iniziative ludiche sin dai primi anni Novanta. Crede profondamente nel gioco come strumento di crescita e di formazione e negli ultimi anni si è specializzato nella didattica ludica, cioè in metodologie didattiche non frontali, perché convinto che si può imparare giocando. Occupa la sua giornata scrivendo storie, giochi, progettando attività che poi realizza con ragazzi e adulti e si riposa leggendo e giocando con le sue due bambine. Si occupa di formazione per docenti e operatori ludici, di laboratori con i bambini, di animazione alla lettura, collabora con enti pubblici e privati, case editrici e operatori culturali. Lui si ritiene un “Ludomastro”, insomma per lavoro gioca, scrive, legge. Coordina il progetto Turutun, con l’edizione di albi illustrati dedicati alle fiabe siciliane, con cui è stato finalista al premio Andersen del 2006. Nel 2008 ha vinto il LudoAward con il suo Calcio con le dita ed è arrivato secondo al premio Città di Bella con il libro A come Acqua, B come Bosco, C come Cacca. Nel 2009 ha vinto il premio Andersen per la promozione della lettura con l’Associazione Così per Gioco e nello stesso ambito ha pubblicato per La Meridiana un libro di giochi per avvicinare i ragazzi alla lettura, Ri-animare la lettura.

IL NOSTRO ERASMUS+

PROGETTO LETTURA

Archivio news